Sentiero estivo: Zoldo – Col de Salera – Monte Punta.
Dalle miniere alla Grande Guerra

Sentiero estivo: Zoldo – Col de Salera – Monte Punta. <br>Dalle miniere alla Grande Guerra

Un perfetto itinerario per le vostre escursioni estive, al cospetto del Pelmo. Il sentiero che porta dalla Val di Zoldo, più precisamente dalla località di Casal, fino a Col de Salera prima e verso il Monte Punta poi è senza particolari difficoltà ma molto panoramico, adatto a chi vuole percorrere un itinerario storico immerso nel paesaggio e nella natura delle Dolomiti.

Il percorso a piedi ci porta a scorgere da vicino i resti di alcune delle miniere di fine ‘800 nelle quali operavano gli abitanti della Val Zoldana. Grazie all’aiuto di tabelle informative, possiamo apprendere lungo il percorso molte interessanti informazioni sulla Prima Guerra Mondiale nelle Dolomiti.

Il sentiero è adatto a tutti sino a Col de Salera (600 m di dislivello dalla partenza), richiede un minimo di allenamento in più il sentiero che accompagna alla sommità del Monte Punta (900 metri di dislivello).

La partenza dell’itinerario è nella frazione di Casal, nel comune di Forno di Zoldo. Il sentiero si inerpica in modo evidente a partire dalla ben visibile fontana con il Cristo. Ben presto il percorso si incrocerà con il sentiero CAI 492 proveniente dall’abitato di Brusadaz – Coi e diretto a Col de Salera. Si tratta di un evidente strada forestale di facile percorrenza che percorre sul versante destro la Val Visia.

Giunti a Col de Salera è possibile proseguire verso il Monte Punta, balcone panoramico sul Pelmo e le vette dolomitiche. Una salita che consigliamo di intraprendere poiché la vista dalla cima è veramente meravigliosa. Quella del Punta può essere considerata una cima minore perché non raggiunge i 2000 m di altezza (siamo a quota 1952 metri slm). Ma si trova in un luogo strategico e regala un panorama a 360 gradi sulle Dolomiti circostanti a partire dal Pelmo, il trono del Signore che regna davanti a voi, Civetta, Sasso del Bosconero, Sfornioi, Antelao e tutte le più spettacolari cime della valle di Zoldo e del Cadore. Da cartolina le vedute panoramiche sui paesi sottostanti, da Zoppè a Campo di Zoldo.

Quella che va da Casal a Col de Salera e porta poi al Monte Punta è un’escursione da fare prevalentemente nel periodo estivo o autunnale, quando i colori della natura sono splendidi e le temperature si fanno più dolci.

Ma per chi ha un po’ di dimestichezza ed esperienza nelle escursioni con le ciaspole ci sentiamo di consigliare l’ascesa al Monte Punta anche nel periodo invernale.

Sentiero Casal – Col de Salera – Monte Punta

> Dislivello: 600m (Col de Salera)- (900 Monte Punta)
> Partenza: Casal (Fontana con Cristo) o Brusadaz

Share Button